top of page

I rendimenti obbligazionari dei mercati emergenti stanno inviando un segnale preoccupante

(Traduzione di un articolo Bloomberg del 04/10/2023)


Una rara anomalia osservata durante i periodi di stress estremo è tornata nei mercati emergenti.


Il crollo dei Treasury USA di questa settimana ha esacerbato le vendite del debito dei paesi in via di sviluppo, portando il rendimento delle obbligazioni dell'indice Bloomberg EM Aggregate Sovereign Index al massimo a un anno dell'8,93% martedì.



Ciò ha superato il rendimento degli utili dell'8,63% sulle azioni del benchmark azionario, l'indice MSCI Emerging Markets.


Questo capovolge la tipica relazione tra rendimenti obbligazionari e azionari, con le azioni che normalmente offrono un tasso più elevato per compensare il loro rischio aggiuntivo.


Nei mercati emergenti, questo premio si è generalmente aggirato tra 2 e 6 punti percentuali negli ultimi due decenni, ma è diventato negativo due volte: durante la crisi finanziaria globale nel 2008 e la disfatta causata dal Covid del 2020. In entrambe le occasioni, le perdite dei mercati emergenti non sono diminuite fino a quando i rendimenti statunitensi non hanno iniziato a scendere.

"La vendita delle obbligazioni statunitensi è il punto da dove proviene il rischio: rischio per le azioni statunitensi, rischio per i crediti dei mercati emergenti a basso rating e, indirettamente, un rischio per le azioni globali", ha affermato Charles Robertson, responsabile della strategia macro di FIM Partners. "La storia non ci dice che dovremmo ipotizzare una grande inversione dei rendimenti statunitensi".


L'anomalia dura in genere solo pochi giorni. All'inizio di quest'anno, è stato visto brevemente nella sfera aziendale, poiché il rendimento delle obbligazioni in dollari delle società dei mercati emergenti ha superato il rendimento atteso degli utili sulle loro azioni, calcolato utilizzando le stime degli utili in percentuale dei prezzi delle azioni.


Premi di rischio


Per gli investitori nel debito sovrano dei mercati in via di sviluppo, i segnali di un forte mercato del lavoro statunitense prima dei dati ufficiali sulle buste paga non agricole hanno alimentato il timore che i tassi di interesse statunitensi rimangano elevati. Il conseguente selloff globale ha portato i tassi privi di rischio negli Stati Uniti e in Europa ai livelli più alti in oltre un decennio. I rendimenti obbligazionari dei mercati emergenti riflettono questo aumento, così come un conseguente aumento dei premi per il rischio sovrano ai massimi degli ultimi tre mesi.


"I prezzi non sono neanche lontanamente estremi come nel 2008-09, ma le obbligazioni dei mercati emergenti diventano più interessanti man mano che i rendimenti statunitensi aumentano ", ha detto Robertson.


Nel frattempo, le azioni dei mercati emergenti hanno cancellato quasi $ 100 miliardi di valore di mercato martedì, portando via ricchezza degli azionisti da luglio per $ 1,5 trilioni. Una modesta ripresa delle stime degli utili ha tuttavia contribuito a tenere sotto controllo le valutazioni, con l'indice MSCI scambiato a 11,6 volte gli utili previsti, rispetto alla media quinquennale di 12,3 volte.

4 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page